Passa ai contenuti principali

Post in evidenza

Snack al Burro d'arachidi - PB energy bites

Recensione: Spugna Konjac di Kiko

Qualche mese fa, insoddisfatta della mia pelle, ho deciso di acquistare una spugna konjac. La konjac è una spugna naturale ottenuta dalla radice konjac.

Mi sono subito informata leggendo mille pareri online e ho trovato due possibilità di acquisto:
- ordinare on line dal sito www.konjacspongecompany.com, i produttori originali di queste spugnette;
- acquistarla da KIKO.
Ho ovviamente optato per la seconda scelta e ho approfittato della sosta per acquistare anche una mousse detergente per il viso da usare in combinazione alla spugnetta.

La spugnetta KIKO purtroppo esiste in un'unica versione, mentre dal sito di The Konjac Sponge Company è possibile averla in diverse varianti a seconda del proprio tipo di pelle.


La spugnetta viene venduta in una confezione sterile contenente acqua, che le permette di stare diciamo "bella gonfia". Basta risciacquarla sotto il rubinetto ed è pronta al primo utilizzo. Ha la forma di una semisfera e io uso sempre la parte piatta. Inoltre ha un comodo laccetto che permette di appenderla quando non si usa. Dopo ogni utilizzo va risciacquata bene, strizzata e lasciata asciugare (possibilmente non a contatto con qualcosa).

Il giorno dopo si trova bella asciutta e semipietrificata; prima di riusarla bisogna inzupparla di acqua per 1-2 minuti ed eccola tornare di nuovo morbida e pronta all'uso. Quando ho letto di questa cosa su internet non credevo che potesse diventare tanto secca e rugosa ma una volta visto di persona sono rimasta sbalordita perchè si restringe visibilmente di volume, molto più che una comune spugna per il viso o per il corpo.

E' molto importante che la spugnetta si asciughi bene perchè questo impedisce la proliferazione batterica e quindi il formarsi di muffe. Personalmente, vivendo in una casa molto umida, dopo un mese dall'acquisto ho iniziato a notare che qualcosa non andava. Ho dunque provveduto a farle fare un bel bagno in acqua bollente. Così l'ho sterilizzata per bene e la spugnetta non ha subito alcun danno. Credo che nei mesi invernali, sopratutto se la casa è umida e vi accorgete che la spugna non si asciuga durante il giorno, sia d'obbligo dargli una bollitura almeno una volta al mese. Nei mesi estivi invece ho notato che si asciuga rapidamente e non ho notato nessun problema.

La spugnetta è piacevole da usare sulla pelle ed effettua un leggero scrub. A mio avviso non è assolutamente adatta ad essere usata sugli occhi per togliere il trucco. Solitamente la sera io uso del latte detergente e poi la spugnetta con la mousse detergente. Ultimamente sto cercando di mettere anche il tonico con un dischetto di cotone, anche se è un pò chiedere troppo alla mia pigrizia. La mattina invece la uso senza mousse, per un lavaggio veloce del viso.

Per quanto la sia usando solo da pochi mesi ho notato una diminuzione dei punti neri che spesso mi si formano ai lati del viso. La trovo comoda da usare anche per le persone pigre come me che la sera e a mattina non vogliono passare tanto tempo a pulirsi il viso.

Consigliata!

Commenti