Passa ai contenuti principali

Post in evidenza

Snack al Burro d'arachidi - PB energy bites

Educazione del gatto: i libri che ho letto

Credo che tutti pensino che gestire un gatto sia una cosa che non necessita di chissà cosa, tanto meno che ci sia bisogno di un libro per imparare qualcosa di nuovo. Io penso che non sia assolutamente cosi. Ci sono cosi tante cose sbagliate che pensiamo sulla vita con Micio, in particolare su educazione ed alimentazione.

Quando ho deciso di prendere il mio gatto per prima cosa ho comprato qualche libro e voglio consigliarvi quali informazioni ho trovato.

Questo è un libro che ci aiuta a entrare nella mente del gatto e a capire cosa causa molti dei suoi comportamenti che ci lasciano abitualmente spiazzati. Ci sono anche dei consigli di base su come scegliere un gatto e descrive esaurientemente il suo sviluppo. Inoltre ci sono consigli su come gestire l'educazione e risolvere i problemi più comuni di mancato uso della lettiera o di aggressività. Lo stile è un pò pesante ma il libro è breve e molto utile per capire la psicologia del gatto. Le uniche cose un pò troppo impegnative per me sono l'insegnare al gatto a usare il water per i bisognini e farlo rispondere ai comandi vocali.

Questo è un vero e proprio manuale che contiene una risposta a ogni domanda più comune sul gatto. Anche qui si parte con i consigli sulla scelta del gatto per spaziare a tutto tondo sull'argomento: oggetti indispensabili, alimentazione, malattie, risoluzione di problemi comportamentali, convivenza tra più gatti, particolarità nel gatto anziano. La parte finale contiene informazioni miste tra cui un capitolo su come far felice il gatto di appartamento e un altro su come affrontare le emergenze. Quando ho preso questo libro pensavo che non sarebbe servito più di tanto. Ero più che altro interessata a cosa servisse a un gatto di appartamento. Invece leggendolo ho trovato consigli interessanti in tutte le sezioni e devo ammettere che è davvero ben fatto. Anche se l'approccio è semplice, le tecniche educative sono aggiornate e interessanti.

Questo libro è di una famosa comportamentalista americana (forse avete visto tempo fa il programma Psycho Kitty su Sky). Nonostante abbia scritto numerosi libri sull'educazione del gatto non esistono traduzioni italiane. Quindi mi sono sorbita questo bel tomo in inglese. Il titolo contiene un divertente giochino di parole perchè starting from scratch vuol dire iniziare da zero ma scratch vuol dire anche graffiare, quindi può essere letto anche come partendo dai graffi. Il libro è piuttosto lungo e tratta diversi argomenti. In particolare ogni capitolo è dedicato ad un problema comportamentale come: marcature di urina, mancato utilizzo della lettiera, problemi alimentari, iperattività, aggressività verso altri animali o esseri umani, ecc. Ho trovato particolarmente utile la parte su come giocare in modo attivo con il gatto. Complessivamente è un pò noiosetto ma è esaustivo riguardo ai problemi comportamentali.

In quasi tutti si trattano gli argomenti fondamentali (tra cui la scelta del gatto, di cui ho parlato qui) anche se con approcci diversi: nel primo ha più spazio la comprensione del gatto, nel secondo abbondano i consigli pratici mentre nell'ultimo vi è una serie di consigli specifici per ogni problema.
Io ne consiglio vivamente la lettura (almeno dei primi 3) per chi vuole o ha già un gatto e vuole migliorare la sua relazione con Micio. Non si finisce mai di imparare sull'argomento!

Un esempio di cosa ho imparato: il gatto non è un cane e quando si mette pancia all'aria sta cercando di difendersi, non di farsi fare le coccole alla pancia!

Cosa manca in questi libri secondo me? Dei consigli su come scegliere le diverse marche di cibo per gatti, che potete invece reperire su internet restando aggiornati sulle modifiche ai vari prodotti.

Commenti